sabato 25 giugno 2016

Un uomo di pace… Padre Juè


Il Regno di Napoli è stato tra i secoli XVI e XIX la patria delle “Missioni Popolari”. Erano soprattutto i numerosissimi villaggi e i paesi poveri, sparsi nello sterminato territorio a vedere organizzate questi particolari eventi di preghiera comunitaria, che avevano il principale scopo di rievangelizzare e ricondurre alla Chiesa i tanti uomini e donne abbandonati a loro stessi.
Piazza B. Tafuri a Piscinola, processione negli anni '50
Le “Missioni” costituivano forme organizzate e metodiche di predicazioni straordinarie e periodiche, affermatesi a partire dalla fine del sec. XVI e organizzate da “missionari” ben preparati, con il consenso dell’Ordinario del luogo, per uno spazio di tempo più o meno lungo, secondo le epoche, gli ambienti e le condizioni religiose delle popolazioni.
Con l’aiuto di collaboratori e con il ricorso a un linguaggio semplice, familiare ed efficace, questi missionari si proponevano di rinnovare la vita cristiana del popolo, mediante l’esposizione e l’approfondimento dei principali temi della fede, con un’attenzione speciale rivolta al senso del peccato e all’importanza della Grazia. Si faceva ricorso a una serie di celebrazioni liturgiche e devozionali, atte a indurre i partecipanti alla conversione dei cuori, all’osservanza dei Comandamenti, alla degna partecipazione ai Sacramenti, in particolare a quelli della Riconciliazione e dell’Eucaristia e all’esercizio delle opere caritative e assistenziali.
A Napoli molti furono i “fari” divulgatori delle Missioni Popolari, tra questi ricordiamo: S. Francesco de Geronimo, S. Alfonso Maria de Liguori, B. Gennaro Maria Sarnelli, S. Gaetano Errico, e altri ancora, come il card. Spinelli.
Le Missioni Popolari seguirono diversi sviluppi nei secoli seguenti e furono personalizzate ai tempi e ai luoghi, dagli ordini religiosi organizzatori, quali: Vincenziani, Passionisti, Redentoristi e soprattutto Gesuiti.
Fin dal 1885 i Gesuiti di Francia, seguiti più tardi da quelli del Belgio e della Spagna, diedero vita, con esito positivo, all‘”Opera dei Ritiri Operai”. Si trattava di un corso di Esercizi Spirituali della durata di tre giorni, con la possibilità di ulteriori incontri con i partecipanti. Ben presto l’iniziativa raggiunse l'Italia, in particolare il Piemonte, nell'anno 1907 (in seguito anche Roma, nell'anno 1909), dove si trasformò nell‘”Opera Ritiri di Perseveranza (O.R.P.)”, che generò l’istituzione delle “Leghe di Perseveranza (Leghe)”, i cui elementi fondanti erano la devozione al Sacro Cuore, il ritiro, la confessione e la comunione mensile.
Padre Armando Jué, durante la processione a Carolei
Dopo la prima Guerra Mondiale, si ebbe in Italia un fiorire di molte comunità religiose e si vide anche la comunità gesuita aumentare nel numero dei suoi adepti. Questo fermento spirituale riportò in auge l’antica pratica di eseguire gli Esercizi Spirituali in casa. La diffusione degli “Esercizi” portò come conseguenza alla creazione e allo sviluppo delle “Leghe della Perseveranza”, promosse dalla "CJ" (Comunità Gesuita) per estendere nel tempo e nello spazio la vita cristiana, rinnovata negli Esercizi.
Per organizzare gli incontri si faceva ricorso alla collaborazione delle parrocchie, che diventava centro di mini-ritiro, dove una volta al mese i fedeli riuniti per una predicazione sera, venivano preparati per la Confessione e per la Comunione del giorno seguente. Molti Gesuiti e non poco i parroci, cercarono di creare e animare queste “Leghe”, vedendo il livello spirituale delle loro parrocchie e chiese aumentare in modo significativo. Per lunghi anni hanno dedicato le loro energie all'O.R.P.: Achille Vayr (1880-1938) e Giuseppe Picco (1867-1946) che si sono distinti in Piemonte; Giovanni Vaglia (1885-1945) e Mario Corti (1889- 1948), in Lombardia e Veneto; Domenico Gori (1874-1966) e Guglielmo Como (1903-1978), nel Centro Italia; e Francesco Laudadio (1907-1963) e Armando Jué (1900-1984), nel sud Italia.
Nel 1934 la diocesi di Bergamo contava 120 Leghe; nelle Marche erano 320; mentre nella diocesi di Treviso, erano 140 nel 1935. Nel 1934 si svolse a Roma, nella Basilica di San Pietro, davanti al Papa, il primo Congresso Nazionale della Lega della Perseveranza, con la partecipazione di più di 20.000 uomini. Una relazione ufficiale della Lega, chiamata anche "Opera Ritiri di Perseveranza", ha dichiarato (1959) che ha avuto 1200 leghe in Italia, che ha riunito circa 220.000 uomini ogni mese.

Particolare è il ricordo lasciato a Piscinola da padre Juè, del quale tratteremo una breve biografia.
Padre Armando Juè è stato sicuramente una delle figure più rappresentative della religiosità popolare del Mezzogiorno nel secondo dopoguerra, nacque a Napoli il 6 dicembre dell’anno 1900, il suo cognome era però di origine francese, un suo avo si trasferì in Italia ai tempi della conquista di Gioacchino Murat.
Entrò nella Compagnia di Gesù il 5 agosto 1918.
Durante gli studi a Chieri (Torino) conobbe l’Opera Ritiri di Perseveranza e svolse il suo primo tirocinio nelle “Leghe di Perseveranza”. Trasferitosi a Roma si specializzò in questo ministero sotto la guida del Padre Gori. Fu ordinato sacerdote il 26 luglio del 1932, dopo un periodo di preparazione teorico-pratica ebbe il preciso compito di attendere l’O.R.P. di Napoli e nell’Italia meridionale. La sua destinazione fu la Casa Professa di Napoli, nella chiesa del Gesù Nuovo.
Assimilò profondamente negli anni la dottrina e l’impegno apostolico di far vivere i cristiani secondo i dettami della religione e secondo gli insegnamenti di P. Mario Conte, a tal fine applicò con  passione quanto apprese nei vari ritiri cui aveva partecipato, nel Veneto e in altri luoghi, organizzati dal padre M. Conte.
Padre Juè è stato un animo infaticabile, napoletano nelle sue espressioni e nei gesti vivacissimi, era un oratore nato. Si gettò con ardentissimo amore al suo ministero di predicatore e organizzatori di missioni popolari.
Copertina del libro Le Missioni Popolari, una fonte del post
Come era consuetudine, istituiva due comitati, uno di uomini e uno di donne il cui compito era di redigere e far recapitare gli inviti al ritiro che era fissato in un giorno feriale, escluso il primo venerdì del mese. Poi fin dalla domenica precedente, manifesti e striscioni dovevano annunciare l'evento nelle parrocchie e chiese vicine. Le persone che s'impegnavano a partecipare dovevano fare una domanda scritta, spiegando anche i motivi che spingevano a parteciparvi.
Alla vigilia del ritiro, nel pomeriggio, organizzava confessioni e preghiere per le donne e i ragazzi; alla sera, per i giovani dai sedici anni in su e per gli uomini. Il giorno, dopo messa, curava il discorso e distribuiva la Comunione, a volte avveniva prestissimo.
Per una settimana intera aveva luogo in chiesa, alla sera, una specie di liturgia penitenziale, con la predicazione convincente ed infuocata del padre Juè o di un altro predicatore, che si posizionava sul palco, accanto a un maestoso Crocifisso fatto sistemare in quel posto per la circostanza (non dal pulpito). Il raduno terminava sempre con il canto di Sant’Alfonso Maria de Liguori: “Gesù mio, con dure funi…”.
Al termine di questo ottavario iniziale, alla sera inoltrata, si registrava la partecipazione di un prelato eminente della diocesi, spesso un vescovo, che officiava un solenne pontificale e tutto si concludeva verso l'una di notte.
Dopo questa settimana propedeutica, i Ritiri di Perseveranza assumevano una cadenza mensile. Alla fine di ogni mese, di sera, tutta la comunità parrocchiale poteva partecipare in chiesa alla celebrazione eucaristica, durante la quale padre Juè teneva la sua vigorosa omelia, e si svolgeva il Sacramento della Confessione, con la disponibilità di diversi sacerdoti.
La celebrazione si concludeva sempre con il canto "Gesù mio, con dure funi…".
Al termine di tutti i raduni, si organizzava una grande processione penitenziale, portando a spalle per le strade del quartiere il crocifisso che era stato esposto sull'altare nell’intero periodo dell’anno.
Tra i collaboratori di padrè Juè, troviamo don Raffaele Coseglia, originario di Casalnuovo di Napoli, uomo di vasta cultura e sensibilità umana che onorò Napoli per le iniziative apostoliche a favore del mondo industriale e del sapere. Attraverso l’O.R.P. portò il messaggio della solidarietà evangelica e del recupero della dignità umana degli operai del meridione italiano e non solo.
Processione in via del Plebiscito a Piscinola, anni '50
Ecco una testimonianza del Ritiro di Perseveranza eseguito a Carolei (Cosenza) del luglio 1940, a cui partecipò il padre Jué:Come Cosenza e Paola – nella nostra Diocesi – anche Carolei ha, finalmente, i suoi “Ritiri della Perseveranza”.
Datano dal 16 luglio, giorno sacro a la nostra Patrona e Protettrice la Madonna del Carmine e caro particolarmente a ogni anima e impresso in ogni cuore cristiano in Carolei.
Sarà, per gli anni a venire, ancor più sacro e più caro! 
Aveva da anni pregato il carissimo e ben noto P. Armando Juè, apostolo infaticabile dell’Opera dei Ritiri di Perseveranza, di voler venire a fondarli in questa nostra parrocchia.
Ma, con tutta la nostra buona volontà, non s’era mai potuto finora.
Il compianto Mons. Arcivescovo Nogara, mi diceva, anzi, di dovervi rinunziare, perché l’Istituzione, pur tanto bella e benefica, non era attuabile in Carolei per l’impossibilità di avere sul posto, nel giorno designato d’ogni mese, un numero sufficiente di sacerdoti confessori. Deciso, tuttavia, e risoluto a spuntarla e a superare, quindi, anche questa difficoltà, veramente seria e non lieve, volli insistere presso padre Juè, il quale finalmente accettò di venire.
Ma ecco nuovi ostacoli: il tempo da lui scelto per la Missione in Carolei, l’unico di cui potesse disporre in quest’anno, non mi piaceva, non ritenendolo io affatto propizio e adatto a lo scopo.
Poi in piena stagione, quando i colori estivi certo non invitano a raccogliersi per ore intere in chiesa, quando gli uomini sono generalmente e particolarmente occupati nei lavori di campagna, senza dire dello stato di guerra, dell’oscuramento obbligatorio, dell’assenza di oltre 200 uomini soldati e della lontananza dal centro delle contrade Pantanolungo, Treti, Lacconi, Vadue: tutto questo induceva, evidentemente, a pensare e a temere che la missione non sarebbe riuscita.
Ciò non ostante, si decise senz’altro per la data 7-21 luglio.
E la sera del 7, domenica, gli illustri e tanto benemeriti Padri della Compagnia di Gesù, Armando Juè e Raffaele Vitale, cominciarono, a dialogo, la loro predicazione apostolica, magnifica, efficacissima, tenuta prima a le donne, separatamente, e più tardi agli uomini.
L’ampia e imponente nostra Parrocchiale del Carmine fu piena due volte, prima di donne e poi di uomini. Le donne aumentarono sempre più, gli uomini, invece, diminuirono alquanto nei due giorni seguenti, lunedì e martedì, ma poi ripresero con un crescendo continuo fino a riempire nuovamente le tre navate della Chiesa.
A l’ottavo giorno, domenica, padre Juè tenne agli uomini, a conclusione, la conferenza propria per i Ritiri, particolarissima, forte, robusta, predica essenzialmente di vita, che valse in una tutte le precedenti.
La sera seguente, lunedì, dieci Padri e sacerdoti ascoltarono in tre ore le confessioni, e il giorno dopo, 16 luglio, oltre trecento uomini di tutte le classi, pieni di santo entusiasmo e di fervore, tra suoni e canti di fede, nella nostra Chiesa del Carmine tutta illuminata, dinanzi a l’altare della Madonna splendido di ceri e di fiori, ascoltarono la Messa e fecero la Comunione.
Così s’è costituita la Sezione di Carolei della tanto benefica “Opera dei Ritiri di Perseveranza”, modo facile e mezzo efficacissimo di vita veramente cristiana continuata, da cui verranno sicuramente la salvezza delle anime e la maggior gloria di Dio. (dal periodico “Decor Carmeli”, luglio 1940, scritto da d. Francesco Vairo)”. 
Sul periodico “La Civiltà Cattolica” del 1941 così è scritto: “Nell’Italia meridionale sopra tutto per merito della parte direttiva animata da padre Armando Juè, l’Opera ha assunto dal 1937 un ritmo di vita veramente promettente […]”.
Padre Juè ha partecipato anche a diversi convegni organizzati dal nascente partito della Democrazia Cristiana. In questi incontri spesso interveniva, relazionando “... sui modi pratici con i quali avviare i lavoratori” alle Unioni cristiane.
Padre Juè ebbe parole di augurio da parte del papa Pio XII; fu ricevuto in udienza speciale dal successore, papa Giovanni XXIII, insieme al Padre generale della Compagnia di Gesù, il pontefice riconobbe il benefici dei Ritiri di Perseveranza sulle regioni d’Italia.
A Piscinola sono ancora tanti gli anziani a ricordare la figura di padre Juè, a cui associano gli incontri dei Ritiri di Perseveranza, che furono eseguiti in diverse occasioni nella chiesa parrocchiale del SS. Salvatore, nell'arco di un decennio compreso tra gli anni ’50 e i primi anni ‘60.
Alcune testimonianze raccontano di episodi legati alla vita di questo umile religioso gesuita, soprattutto le sue opere di carità svolte nel quartiere di Piscinola. Si racconta che era un grande operatore di pace e si adoperava per ricongiungere molte famiglie piscinolesi in conflitto, contribuendo a far cancellare l’odio ed il rancore, sorti a volte per futili motivi. Si recava, inoltre, personalmente nei saloni di gioco dei bar e dei circoli, per distogliere e per recuperare le persone, che avrebbero potuto perdersi nel “gioco delle carte”. Padre Juè era, quindi, un uomo di Chiesa impegnato nel tessuto sociale di Piscinola nell’immediato dopoguerra, che riusciva ad avvicinare alla Chiesa un grande numero di persone, operando anche numerose conversioni...
Padre Juè si spense a Napoli, all'età di 84 anni,  il 17 ottobre del 1984.
Ecco l'articolo "In memoriam" del periodico "Cristianità", n. 115, dell’ottobre 1984, che fu dedicato da "Alleanza Cattolica" alla scomparsa del famoso gesuita.
"Il 17 ottobre 1984 è mancato  padre Juè, gesuita, direttore generale per l’Italia Meridionale dell’Opera Ritiri di Perseveranza, I’ORP. Aveva 84 anni ed era una figura di spicco della Chiesa napoletana. La sua attività apostolica è stata un punto di riferimento spirituale e una guida per intere generazioni. Nel 1936 aveva assunto la direzione dell’ORP, che è stata promotrice di un profondo risveglio di vita cristiana a Napoli e nell’Italia Meridionale, dove, negli anni Cinquanta, è giunta a contare decine di sezioni. L’Opera, in diretta continuità con san Francesco de Geronimo, che ne è il patrono, ha innestato la pratica degli esercizi spirituali di Sant’Ignazio sulla pietà popolare napoletana. I ritiri mensili, la frequenza nell’accostamento ai  sacramenti, le conferenze di formazione, sono alla base del metodo dell’O.R.P. che Papa Pio XI ha definito «l’Opera veramente provvidenziale» e che, a Napoli, ha goduto del sostegno e della ammirazione dei cardinali Ascalesi e Mimmi. Instancabile, continuava a guidare gli incontri mensili dell’Opera che si svolgono di primo mattino, padre Juè animava il Venerdì Santo una popolarissima Via Crucis attraverso il centro storico di Napoli. Migliaia di napoletani lo ricordano così, mentre incoraggiava a non desistere dal cammino promettendo la perseveranza finale. Era un intransigente. Fedele alla dottrina cattolica, indisponibile alle mediazioni e ai compromessi, nonostante le incomprensioni, le critiche e le opposizioni che questo gli costava.
Alleanza Cattolica, di cui padre Juè ha più volte benedetto gli stendardi e per la quale aveva parole di elogio, lo ricorda nelle sue preghiere con affetto e ammirazione".
Salvatore Fioretto

Si ringrazia calorosamente la redazione "Cristianità" di "Alleanza Cattolica", per averci fornito l'articolo del periodico n.115/84 "In memoriam"; si ringrazia ancora Natale Mele per aver contribuito con alcune notizie utili alla stesura di questo post.

Tutti i diritti per la pubblicazione dei testi del blog sono riservati agli autori, ai sensi della legislazione vigente.
N.B.: Le foto riportate in questo post sono state liberamente tratte dai siti web dove erano state inserite, con il solo scopo di favorire la libera diffusione della cultura.
 

2 commenti:

  1. Mi chiamo Onorato Rosario Antonio e sono nato nel 1956. Ho conosciuto questo sacerdote, quando ero poco più che bambino, grazie a mio padre Vincenzo, conoscente di Padre Juè. Ricordo le nostre frequentazioni della Chiesa Gesu Nuovo a Napoli, ricordo la figura per me imponente di questo religioso, la sua veste talare piena zeppa di bottoncini, ricordo la sua amorevole carezza e l'arancio che tirava fuori da una tasca per farmene dono. Poi, ci siamo trasferiti altrove ma, il suo ricordo non mi ha mai lasciato. Più volte ho provato a rintracciarlo ma, desistevo perchè non avrei saputo cosa dirgli, come presentarmi; forse mi intimoriva. L'ho fatto, poi, troppo tardi, dopo la sua morte e da li ho cominciato a cercare qualunque notizia su di lui, ma sempre con nessun risultato. Oggi per caso sono capitato su questo blog e con grande commozione ho rivisto in foto Padre Jue ed ho potuto leggere di lui, di quanto fosse grande, di quanto fosse sincero mio padre nel raccontarmi di lui. Ho sentito il bisogno di ringraziarvi, inconsapevolmente avete riempito un enorme voragine nei miei ricordi. Grazie a voi, oggi posso pensare a Padre Jue in maniera più concreta, più tangibile. Il mio ricordo di lui sarà meno evanescente. Grazie.

    RispondiElimina
  2. Grazie sin Rosario per il suo bel commento, che ci incoraggia a continuare il progetto.

    RispondiElimina